it gb de es pt

Bis zur Eröffnung des neuen Museums, können Sie die besuchen

Mostra fotografica e documentaria sulla vita di papa Luciani


Presso la canonica di Canale d'Agordo è possibile visitare la mostra fotografica e documentaria sulla vita di papa Giovanni Paolo I, nata all'indomani della Visita Apostolica di Giovanni Paolo II al paese del suo predecessore il 26 agosto 1979 per iniziativa del Comitato per la Realizzazione di Opere in onore di Papa Luciani. Costituitasi nei locali della casa parrocchiale, fu rinnovata nel 1988, nel 1998 e nella primavera 2008, in occasione del 30° anniversario della elezione e morte del Sommo Pontefice, in attesa dell'apertura nel nuovo Museo dedicato interamente a papa Luciani.
Durante le estati dal 1924 al 1934 il giovane seminarista Luciani visitava spesso l'ufficio del suo parroco, don Filippo Carli, arciprete e vicario fornaeo di Canale d'Agordo dal 1919 al 1934. Dal suo parroco il giovane Albino ereditò la passione per il catechismo, l'amore alla semplicità nello scrivere e nel parlare e l'interesse vorace alla lettura. Proprio a causa di quest'ultima propensione, il saggio pievano Carli affidò allo studente Luciani il riordino e la catalogazione della biblioteca cinquecentesca della parrocchia, compito che Albino eseguì con competenza e dedizione tra il 1929 e il 1931, lasciando un prezioso catalogo in cui sono elencati i libri presenti nella biblioteca - tuttora visibile negli armadi originari. Nella sala della biblioteca è possibile vedere, oltre ai libri, il quaderno originale del catalogo, gli oggetti appartenuti a don Filippo e una valigetta con la quale il giovane Luciani entrò in Seminario il 17 ottobre 1923.
Disposta su varie bacheche, la collezione di fotografie ripercorre le tappe fondamentali della vita di Albino Luciani, dalla nascita, fino all'ascesa alla cattedra di Pietro. Sono raccolte le fotografie dell'infanzia, del periodo di studi nei Seminari di Feltre e di Belluno, dei primi anni di ministero sacerdotale a Canale, Agordo e Belluno e del periodo di episcopato a Vittorio Veneto (1958-1969) in cui partecipò al Concilio Vaticano II (insieme a due altri padri conciliari della parrocchia di Canale d'Agordo, padre Saba De Rocco, generale dei Somaschi e don Giovanni Battista Costa vescovo prelato di Porto Velho in Brasile). Ancora il periodo in cui fu patriarca di Venezia (1969-1978) e cardinale (1973-1978) e infine papa (26 agosto-28 settembre 1978).
La mostra conserva diverso materiale documentario (il registro del battesimo,il quaderno di quarta elementare, i libri, le lettere profetiche sulla sua elezione a Papa) e una raccolta di indumenti (tre vesti talari da canonico e da papa, una casula, il calice personale, il pastorale, le pantofole pontificie, la berretta da prete).
All'ingresso dell'esposizione si può ammirare l'albero genealogico di Albino Luciani dal XVI secolo, opera di Claudio Scardanzan, e la preziosa collezione numismatica donata alla mostra da Nicolino Luciani.

 

Visite guidate Info e prenotazioni
Sostieni la Fondazione Dona il tuo 5x1000